Freddo Home Mail to Freddodinevischio Gallery

Titolo

 

Galleria Immagini primi lavori 2005-2006

 

 

Racconti

Quello fu un viaggio forzato, vero Danixj? Tu scelto dal tuo dio Odino, io da Hel. Così diversi ci siamo ritrovati a spiare e combattere il nemico. Due eroi lontani tra loro come l’Estate e l’Inverno. Due... ci ho sempre pensato, eravamo veramente solo in due? C’era qualcosa in te che non mi aveva mai convinto... anche tu eri diverso. In battaglia cambiavi atteggiamento come era solito dei Berserkir... ma non eri rude e feroce come loro, anzi veloce ed elegante, come i demoni di un mondo lontano, nel maneggiare la tua ascia da guerra. Io invece ero sempre stato un po’ goffo nell’usare le armi. Morii giovane per seguire la mia Regina. Innumerevoli torture ho voluto subire per divenire suo Cavaliere e studiare le arti dei Non Morti. Ho imparato ad usare la mia voce come arma, molto più tagliente di una spada forgiata nelle fucine dei Nani; e il respiro intriso di sangue marcio corrode le armature più spesse... e la carne... le ossa... le interiora. Ora, lasciando da parte il mio passato... dicevo? Ah, si... la nostra destinazione fu una fortezza arroccata su una scogliera a Sud del villaggio di Beowolf Jameson, anche lui sarebbe dovuto venire per scortarci essendo del posto. Dovevamo incontrarlo nella sua casa, entrai solo io per chiamarlo... ma lui non c’era; poi mi accorsi di un lembo di pelle conciata posato sul tavolo con su scritto: "Non posso condurvi all’interno della fortezza. Il Druido di Thor mi ha richiamato al tempio, credo non voglia che io accompagni... te, Cavaliere. Nessuno vuole che i Non Morti camminino su Miôgarôr... Mi... dispiace, amico mio."

Cristallo di Meve Gallery Galleria Contact Us Contattami Il mio Blog